HK = [ Faqs ] [ Archive ] [ Community ] [ Map ] [ Search ] [ Link ] = HK
[ Newsletter ] [ MailingList ] [ Blog ] [ Updates ] [ News ]
     
 
Torna al Poem-H Menu

DIVAGAZIONI NOTTURNE by Malkavian [OndaQuadra]
In questa notte di novembre mi lascio andare alle divagazioni di una mente speculativa, riguardo l'utilita di certe cose che siamo, chissa' perche', portati a fare... Vi e' mai capitato, gentili lettori, di provare ad hackerare la vostra vita?
Farla a pezzi per poi ricucirla con minuziosita', smontarla per guardare cosa c'e' dentro, e poi valutare se e' il caso di ricomporla oppure lasciarla li', non piu' utile all'armonia dell'universo, ma solo a se stessa...
Beh...devo dirvi che questo a me capita spesso e penso che molti di voi abbiano fatto lo stesso "errore": esaminare pezzo per pezzo la propria esistenza senza riuscire a giustificarne nemmeno una piccola parte, senza trovare i motivi che di volta in volta ci spingono a compiere un'azione. Ad esempio:
perche' io voglio hackerare un server? Oppure perche' io voglio usare il computer per scrivere un pezzo per ondaquadra? Una mente razionale puo' benissimo pensare di riuscire a vivere anche senza fare queste cose e si puo' arrivare a teorizzare la loro inutilita' ai fini della nostra esistenza. Infatti io potrei benissimo non hackerare: ci sono molte persone che non lo fanno e stanno benissimo.
Invece potrei passare la serata davanti al camino a fare la maglia e potrei anche provare molta soddisfazione nel farlo:)) Questo indica la non necessarieta' di compiere hackeraggi, o di tutte le altre attivita' che compiamo ogni giorno, tranne ovviamente mangiare, dormire e...:) Ci si potrebbe anche convincere che un hacker e' soltanto una persona sola davanti a una tastiera, che si ammazza gli occhi solo per perseguire un obiettivo etereo e inesistente: programmare in un linguaggio "virtuale", creato dall'uomo e fatto di tante piccole entita', i bit, che nemmeno esistono o sono tangibili...oppure penetrare in qualcosa che esiste solo virtualmente, come un server, un programma che gira su un computer remoto...
hihi...gia' sento le voci dei lettori che pensano che la follia si sia impadronita di me...ebbene signori e' cosi', sono divenuto folle, dove per "folle" intendo "privo di marcia ingranata":P Priva di limiti imposti la mia mente e' libera di correre in giro, qua e la', per dimostrare che cio' che sembra razionale puo' diventare assurdo nel giro di un secondo, e che cio' che non avremmo mai pensato tutto d'un tratto sembra essere sempre piu' veritiero...
Forse questo e' solo un attacco di pazzia, da cui spero presto di svegliarmi...
Chi conosce i Malkavian sa delle loro improvvise alienazioni, dei loro attacchi di follia, della loro imprevedibilita':)
E lo sa anche jey che aspetta questo articolo da giorni e giorni... chissa' quanti accidenti mi ha lanciato hihihi (chiedo venia!). Allora, a parte la divagazione, ritorniamo al nostro folle discorso, che ci serve per dimostrare...non lo so ancora...non ho programmato dove ci porteranno queste parole...si vedra'...direi che non sono nemmeno io che scrivo le parole, ma che sono le parole che scrivono me:) Sono loro che vengono da sole, entrano nella mia testa e PRETENDONO di essere scritte...ma guarda un po' che impertinenti!!!:)
Adesso, per esempio, mi sta venendo in mente che forse le nostre azioni prese per isolate possono perdere di significato, un po' come i pezzi del pc:
presi da soli non servono a niente, ma assemblati insieme divengono qualcosa che ci permette di fare cose portentose...Ed allora ecco che il nostro scrivere un articolo per divulgare quel poco che si conosce sull'hacking, oppure cercare di programmare in un qualsiasi linguaggio, possono, se guardati piu' "da lontano" ed in prospettiva, assumere un significato enorme: questi piccoli gesti, apparentemente insignificanti nell'equilibrio dell'universo, possono essere visti come espansioni della nostra essenza, che si dipana in essi e mostra la sua potenza e la sua bellezza.
Infatti si sa ormai che l'essere non e' in quanto tale, ma esiste in rapporto ad altre essenze: non esiste nulla di assoluto e tutto e' relativo, come piace dire al mio amico Albert :) Quindi ogni essere ha bisogno di interagire con le altre forme di energia presenti nell'universo, se non altro per esistere egli stesso...
[come e' possibile intuire io ho una mia visione particolare anche di dio, non inteso piu' come puro bene, contrapposto al cattivo diavoluccio che ci tenta ogni giorno, ma credo semplicemente in un'energia che permea tutto l'universo e che non e' malvagia, ne' buona, ma si limita ad esistere ed a permeare tutte le forme viventi e non viventi, noi stessi in quest'ottica siamo divini, cosi' come tutte le altre creature che popolano l'universo. La differenza sta nell'essere consapevoli o meno di cio' che si e'...mah...questo e' un altro discorso...]
Torniamo a noialtri: di nuovo tutte le cose tornano a quadrare nel posto giusto...ogni attivita', dalla piu' importante alla piu' (apparentemente) futile, torna ad acquistare significato come emanazione del mio essere, come manifestazione di quello che sono...
Non so se tra voi ci sono persone che si mettono, come me, continuamente in crisi (il che non e' negativo perche' la crisi e il dubbio fanno elevare se stessi), ma se ci sono, sapranno sicuramente il senso di smarrimento che coglie chi mette in un battibaleno in dubbio tutta la sua vita e le sue azioni...Che gioia averne trovato un senso qui, insieme a voi, pur precario che sia...
...almeno quando andro' in galera per aver commesso un errore nell'hackerare, potro' dire che quell'errore e' stata una manifestazione del mio essere rincoglionito:))
Beh, che dire...nessuno e' perfetto...
Che ore si sono fatte? Mmmmh sono esattamente le 01:00 AM per cui mi sembra lecito e doveroso concedere riposo alle mie stanche membra...e' ora di tornare nella mia cripta e aspettare che un nuovo giorno cominci...per cui pronuncio la magica formula che chiudera' quest'articolo: shutdown -h now !!!

PS: rimembro a voi tutti che prima di scrivere questo delirante articolo, che non so nemmeno io perche' sia stato scritto (forse solo per degli smanettamenti mentali), non ho assunto alcuna sostanza stupefacente, tranne una pera mangiata assieme a del pecorino sardo... hihihi! Difatti l'alcol o altro potrebbero rendermi piu' normale di quello che sono...eheh
Scherzi a parte, a presto su un nuovo numero di Ondaquadra (I hope you have enjoyed this number...:) )

[ Top ]

Released By DaMe`
Visits [1321105]