HK = [ Faqs ] [ Archive ] [ Community ] [ Map ] [ Search ] [ Link ] = HK
[ Newsletter ] [ MailingList ] [ Blog ] [ Updates ] [ News ]
     
 
Torna al Demo-H-Scene-Menu

La Scena, i Computer, l'Ego-Stimolazione by Macno
La scena è uno strumento di piacere.
Lo è ogni cosa con cui noi interagiamo volentieri.
L'uomo è incessantemente alla ricerca di piacere, in un modo o nell'altro, spesso per vie traverse e alquanto misteriose.
Il piacere può essere fisico o psicologico.
Può essere l'abbuffata ad un pranzo di nozze o il ritiro in ascetica meditazione, la compagnia di una persona amata o il controllo della radio locale.

Ci sono strumenti di piacere che sono particolarmente versatili e soddisfacenti. Il computer ne è un perfetto esempio.
Il possessore lo usa nel modo che preferisce, riempie il suo hard disk di tanti piccoli attrezzi immateriali che usa per suo diletto, esplora, conosce, configura, lo plasma secondo le proprie necessità e i propri desideri.
Magari lo abbellisce con immagini porno per soddisfare parzialmente anche i desideri più ancestrali.
Ogni utente tende a fare del suo computer il giocattolo perfetto, quello che risponde alle proprie necessità nel modo preferito.

Una fonte di piacere psicologico è l'Ego Stimolazione.
Qualsiasi cosa positiva detta o riferita a noi aumenta la nostra opinione di noi stessi, gonfia l'ego, ci stimola la sete di riconoscimento e affermazione.

La scena è un mondo di Ego-Stimolati.
I singoli giocatori di questo grande gioco agiscono e producono per Ego-Stimolarsi, per affermare il proprio nome tramite le proprie opere. A differenza di un computer, la scena non può essere facilmente plasmata secondo i propri desideri, uno ci si deve adattare per succhiarne al meglio le sue risorse Ego-Stimolanti.
La ricerca di Ego-Stimolazione spinge programmatori, grafici, musicisti e tutte le altre specie a dilapidare tempo facendo demo e produzioni varie senza lucro e senza riconoscimenti nel mondo reale.
Li costringe a realizzarli secondo i canoni e le leggi etiche ed estetiche esistenti.
Li induce contemporaneamente a cercare di cambiare questi canoni, che non sono assoluti ma evolvono con la scena, a svolgere un ruolo attivo su di essa, a tentare di fare con essa quello che si fa con un computer.

La scena è finta, ma i suoi effetti sui suoi membri sono reali.
E' una vita parallela dove le personalità si sperimentano, dove si possono raggiungere successi non possibili nella vita reale.
Ci si può innamorare della scena e della propria vita al suo interno, lo si fa perché la vita reale non concede le stesse soddisfazioni, perché non produce le stesse Ego Stimolazioni.

La scena fa bene all'Ego, dunque, ma è pericolosa come la stessa Ego Stimolazione.
E' una droga che induce tolleranza e dipendenza. La Stimolazione viene ricercata sempre in dosi maggiori, commenti benevoli fatti e ripetuti nella scena sulla propria opera non fanno più effetto, lasciano indifferenti, ci si è abituati.

L'Ego Stimolazione è alla base della motivazione nella scena, quando non viene più somministrata o quando non si possono più dare dosi maggiori, lo scener si stufa, perde interesse, lascia la scena.

Non c'è motivo di credere che quanto detto sopra non valga anche per ogni altro genere di Scena, cioè per ogni realtà alla base di ogni attività umana.

Precedentemte pubblicato su Infamia 2, rivista su disco sulla scena demo Amiga

[ Top ]

Released By DaMe`
Visits [1321105]