HK = [ Faqs ] [ Archive ] [ Community ] [ Map ] [ Search ] [ Link ] = HK
[ Newsletter ] [ MailingList ] [ Blog ] [ Updates ] [ News ]
     
 
Torna al Manifest-H Menu

FENOMENOLOGIA DEL "SUICIDIO POLITICO" by www.ecn.org
Non abbiamo nessuna intenzione di assistere ai deliri di potenza di chicchessia, siano essi generali NATO, sparatori folli o politici in vena di sensazionalismo.
L'istanza di cambiamento e trasformazione che anima i movimenti sociali e le classi subalterne non si concilia con i pruriti guerrafondai ne' con un'astorica e acefala coazione a ripetere.

Per favore stateci lontano. Tutti.

C'Ŕ chi usa i missili e chi le pistole, ma l'effetto Ŕ sempre lo stesso. Una tragica ma "legittima" aspirazione al suicidio lega tra loro la guerra della NATO e l'omicidio di D'Antona, a dimostrazione della sconfitta anche morale che attraversa la civiltÓ dell'Occidente nel suo complesso. Un'aspirazione che si alimenta di vite umane, distruzioni, catastrofi ambientali, che stanno trasformando il mondo in un posto in cui Ŕ sempre pi¨ difficile vivere tentando di migliorarlo.
Ma cosa c'entra tutto ci˛ con il protagonismo sociale e politico di quanti cercano di sollevare la "democrazia" di questo paese dal riflesso autoritario che calpesta quotidianamente il diritto all'esistenza dei suoi "cittadini" e non solo?
Quanto accaduto con l'attentato a Roma Ŕ gravissimo, e gravi sono le dichiarazioni di quegli esponenti del mondo politico e istituzionale che ripetono ossessivamente il binomio "conflitto sociale - terrorismo". Non e' giustificabile che su questo episodio si fondi una lettura politica con ripercussioni gravissime nel rapporto tra movimenti di lotta e aspirazioni al cambiamento sociale. Abbiamo giÓ visto all'opera questa lettura nell'involuzione autoritaria imposta a questo paese dalla "legislazione dell'emergenza", un'involuzione che ha ridotto la dialettica politica alla tecnica della governabilitÓ, e limitato l'esercizio della democrazia. Anche la guerra non e' esente da questi effetti perversi, e' dimostrazione evidente dell'abdicazione della politica, della sua morte come forma di regolazione delle comunitÓ umane.

C.S. Villaggio Globale - C.S. La Strada - C.S. Corto Circuito (Roma) - C.S. Leoncavallo - Circolo Anarchico Ponte della Ghisolfa (Mi) - Centri Sociali del Nordest - Centri Sociali del Centro Est - C.S. La Talpa e l'Orologio (Imperia)

adesioni di:

ATLANTIDE (Cassero occupato, Porta S. Stefano Bologna), Centro Sociale La Torre, Centro Sociale Occupato Autogestito Emiliano Zapata, PERGOLA TRIBE, CSA ETERNIT, Collettivo di gestione di Isole Nella Rete, C.p.I. Zona Rischio, Collettivo PuntoZip!, centro sociale "Auro" di Catania, bredaoccupata, Avana-net, Cayennoutgestita, Teatro Polivalente Occupato, ASS. YA BASTA FOGGIA, ASSOCIAZIONE AGUASCALIENTES FOGGIA, MOVIMENTO ANTIMPERIALISTA, GIOVANI COMUNISTI FOGGIA, Laboratorio Sociale Autogestito, Gli Invisibili-Tute Bianche di Torino, Coordinamento Universitario Contro la Guerra di Torino, ZERO IN CONDOTTA, metropolix casa occupata e ostello autogestito, Livello 57, Grafton 9

[ Top ]

Released By DaMe`
Visits [1321415]